Dott. Giovani Mosconi

Il dottor Giovanni Mosconi è medico chirurgo con Specializzazione in Nefrologia Medica e Specializzazione in Scienza dell’Alimentazione. L’attività formativa e professionale si è sviluppata presso la scuola Nefrologica del Policlinico S. Orsola di Bologna diretta dal professor Vittorio Bonomini, punto di eccellenza nazionale nella diagnosi e cura delle malattie renali.

A partire dall’ottobre 2011 fino al dicembre 2022 è stato Direttore dell’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi degli Ospedali Morgagni-Pierantoni di Forlì e Bufalini di Cesena. Dal luglio 2017 ha ricoperto anche il ruolo di Direttore di Dipartimento Internistico (Forlì-Cesena). Ha conseguito l’abilitazione Nazionale a Professore Universitario (Fascia II) in Endocrinologia, Nefrologia e Scienze della Alimentazione e del Benessere (periodo di validità 12/5/2021 al 12/5/2030).

Relatore a Congressi Nazionali ed Internazionali, a Master Universitari, docente presso le Scuole di Specializzazione di Nefrologia e di Medicina dello Sport dell’Università di Bologna e presso il Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche. Ha pubblicato oltre 350 lavori scientifici su riviste nazionali ed internazionali. Ha contribuito alla stesura di Linee Guida, procedure, percorsi diagnostici ed assistenziali in ambito nefrologico ed internistico.

I campi di interesse assistenziale e di ricerca sono la gestione clinica dei diversi stadi della malattia renale, l’utilizzo di farmaci nefroprotettivi ed antiipertensivi, lo studio dei fattori di rischio per la calcolosi, l’ottimizzazione dell’alimentazione in corso di insufficienza renale, la terapia sostitutiva artificiale compreso il trapianto renale.

Presso la Casa di Cura Malatesta Novello effettua visite nefrologiche di inquadramento clinico e terapeutico e visite di controllo per il monitoraggio funzionale e la prevenzione ed il rallentamento della progressione del danno renale con stretti rapporti di collaborazione con i principali Centri Nefrologici Nazionali e con le strutture pubbliche territoriali.

Categorie: ,

Principali Pubblicazioni Scientifiche indicizzate (fonte pubmed) riportate in ordine di tempo:

[Discovering uncommon nephropathies: a case of acute kidney damage from malaria]. 

Chiappo F, Zambianchi L, Spazzoli A, Lifrieri MF, Cristino S, De Fabritiis M, Americo C, Angelini ML, Fabbrizio B, Cenacchi G, Mosconi G. G Ital Nefrol. 2022 Oct 31;39(5):2022-vol5.

Efficacy of SARS-CoV-2 Vaccination in Dialysis Patients: Epidemiological Analysis and Evaluation of the Clinical Progress. 

Mosconi G, Fantini M, Righini M, Flachi M, Semprini S, Hu L, Chiappo F, Veterani B, Ambri K, Ferrini F, Milanesi C, Giudicissi A, La Manna G, Rigotti A, Buscaroli A, Sambri V, Cappuccilli M. J Clin Med. 2022 Aug 12;11(16):4723. doi: 10.3390/jcm11164723.

Antibody Responses after Two Doses of COVID-19 mRNA Vaccine in Dialysis and Kidney Transplantation Patients Recovered from SARS-CoV-2 Infection. 

Cappuccilli M, Semprini S, Fabbri E, Fantini M, Bruno PF, Spazzoli A, Righini M, Flachi M, La Manna G, Sambri V, Mosconi G. Medicina (Kaunas). 2022 Jul 3;58(7):893. doi: 10.3390/medicina58070893.

Too bad to be true: pseudo-AKI due to traumatic bladder rupture. 

Ruggeri M, Martino C, Giudicissi A, Signorotti S, Mosconi G. G Ital Nefrol. 2021 Dec 16;38(6):2021-vol6.

Persistence of Antibody Responses to the SARS-CoV-2 in Dialysis Patients and Renal Transplant Recipients Recovered from COVID-19. 

Cappuccilli M, Bruno PF, Spazzoli A, Righini M, Flachi M, Semprini S, Grumiro L, Marino MM, Schiavone P, Fabbri E, Fantini M, Buscaroli A, Rigotti A, La Manna G, Sambri V, Mosconi G. Pathogens. 2021 Oct 6;10(10):1289. doi: 10.3390/pathogens10101289.

Renal Thrombotic Microangiopathy in Concurrent COVID-19 Vaccination and Infection. 

De Fabritiis M, Angelini ML, Fabbrizio B, Cenacchi G, Americo C, Cristino S, Lifrieri MF, Cappuccilli M, Spazzoli A, Zambianchi L, Mosconi G. Pathogens. 2021 Aug 17;10(8):1045. doi: 10.3390/pathogens10081045.

Flash Glucose Monitoring to Assess Glycemic Control and Variability in Hemodialysis Patients: The GIOTTO Study. 

Mambelli E, Cristino S, Mosconi G, Göbl C, Tura A. Front Med (Lausanne). 2021 Jul 30;8:617891. doi: 10.3389/fmed.2021.617891. eCollection 2021.

COVID-19 incidence and mortality in non-dialysis chronic kidney disease patients. 

Gibertoni D, Reno C, Rucci P, Fantini MP, Buscaroli A, Mosconi G, Rigotti A, Giudicissi A, Mambelli E, Righini M, Zambianchi L, Santoro A, Bravi F, Altini M. PLoS One. 2021 Jul 9;16(7):e0254525. doi: 10.1371/journal.pone.0254525. eCollection 2021.

Ramipril and Cardiovascular Outcomes in Patients on Maintenance Hemodialysis: The ARCADIA Multicenter Randomized Controlled Trial. 

Ruggenenti P, Podestà MA, Trillini M, Perna A, Peracchi T, Rubis N, Villa D, Martinetti D, Cortinovis M, Ondei P, Condemi CG, Guastoni CM, Meterangelis A, Granata A, Mambelli E, Pasquali S, Genovesi S, Pieruzzi F, Bertoli SV, Del Rosso G, Garozzo M, Rigotti A, Pozzi C, David S, Daidone G, Mingardi G, Mosconi G, Galfré A, Romei Longhena G, Pacitti A, Pani A, Hidalgo Godoy J, Anders HJ, Remuzzi G; ARCADIA Study Organization. Clin J Am Soc Nephrol. 2021 Apr 7;16(4):575-587. doi: 10.2215/CJN.12940820. Epub 2021 Mar 29.

COVID-19 Infection: Viral Clearance and Antibody Response in Dialysis Patients and Renal Transplant Recipients. 

Bruno PF, Cappuccilli M, Spazzoli A, De Liberali M, Sejdiu B, Napoli M, Minerva V, Semprini S, Dirani G, Sambri V, Buscaroli A, Rigotti A, Mancini E, Masperi P, La Manna G, Mosconi G. Nephron. 2021;145(4):363-370. doi: 10.1159/000515128. Epub 2021 Apr 26.

Rituximab in people living with HIV affected by immune-mediated renal diseases: a case-series. 

Alfano G, Giaroni F, Fontana F, Neri L, Mosconi G, Mussini C, Guaraldi G, Cappelli G. Int J STD AIDS. 2020 Dec;31(14):1426-1431. doi: 10.1177/0956462420946662. Epub 2020 Oct 26.

Physical activity and renal function in the Italian kidney transplant population. 

Masiero L, Puoti F, Bellis L, Lombardini L, Totti V, Angelini ML, Spazzoli A, Nanni Costa A, Cardillo M, Sella G, Mosconi G. Ren Fail. 2020 Nov 10;42(1):1192-1204. doi: 10.1080/0886022X.2020.1847723.

[Resilience in COVID-19 times: general considerations on the recovery of a 93-year-old patient on haemodialysis treatment]. 

Mosconi G, Spazzoli A, Bruno PF, Angelini ML, Cristino S, Lifrieri MF, Americo C, De Fabritiis M, Ambri K, Dirani G, Semprini S, Sambri V, Zambianchi L. G Ital Nefrol. 2020 Oct 5;37(5):2020-vol5.

Observational Retrospective Study on Patient Lifestyle in the Pretransplantation and Post-transplantation Period in the Emilia-Romagna Region. 

Totti V, Campione T, Mosconi G, Tamè M, Tonioli M, Gregorini M, Scarpioni R, Storari A, Mignani R, Sella G, Bellis L, Cardillo M, Sangiorgi G. Transplant Proc. 2020 Jun;52(5):1552-1555. doi: 10.1016/j.transproceed.2020.03.015. Epub 2020 May 10.

GDF15 Plasma Level Is Inversely Associated With Level of Physical Activity and Correlates With Markers of Inflammation and Muscle Weakness. 

Conte M, Martucci M, Mosconi G, Chiariello A, Cappuccilli M, Totti V, Santoro A, Franceschi C, Salvioli S. Front Immunol. 2020 May 12;11:915. doi: 10.3389/fimmu.2020.00915. eCollection 2020.

Longitudinal Analysis of Cardiovascular Risk Factors in Active and Sedentary Kidney Transplant Recipients. 

Totti V, Fernhall B, Di Michele R, Todeschini P, La Manna G, Cappuccilli M, Angelini ML, De Fabritiis M, Merni F, Benedetti E, Roi GS, Nanni Costa A, Mosconi G. Medicina (Kaunas). 2020 Apr 16;56(4):183. doi: 10.3390/medicina56040183.

Bioelectrical impedance vector analysis (BIVA) in renal transplant recipients during an unsupervised physical exercise program. 

Mascherini G, Zappelli E, Castizo Olier J, Leone B, Musumeci G, Totti V, Irurtia A, Roi GS, Mosconi G, Sella G, Nanni Costa A, Stefani L. J Sports Med Phys Fitness. 2020 Apr;60(4):594-600. doi: 10.23736/S0022-4707.19.10181-8.

Physical Condition, Glycemia, Liver Function, and Quality of Life in Liver Transplant Recipients After a 12-Month Supervised Exercise Program. 

Totti V, Tamè M, Burra P, Mosconi G, Roi GS, Sella G, Ermolao A, Ferrarese A, Sgarzi S, Savino G, Parodi G, Poggioli G, Ricchiuti A, Di Michele R, Trerotola M, Nanni Costa A. Transplant Proc. 2019 Nov;51(9):2952-2957. doi: 10.1016/j.transproceed.2019.03.087. Epub 2019 Oct 10.

Promotion of Pre- and Post-Transplant Physical Exercise in the Emilia-Romagna Region: The Network of the Program “Transplantation, Physical Activity, and Sport”. 

Totti V, Campione T, Mosconi G, Tamè M, Todeschini P, Sella G, Roi GS, Spazzoli A, Angelini ML, Sangiorgi G, Giannini A, Bellis L, Nanni Costa A. Transplant Proc. 2019 Nov;51(9):2902-2905. doi: 10.1016/j.transproceed.2019.02.074. Epub 2019 Oct 9.

The PIRP project (Prevenzione Insufficienza Renale Progressiva): how to integrate hospital and community maintenance treatment for chronic kidney disease. 

Santoro A, Gibertoni D, Rucci P, Mancini E, Bonucchi D, Buscaroli A, Campagna A, Cappelli G, David S, Gregorini MC, La Manna G, Mosconi G, Rigotti A, Scarpioni R, Storari A, Mandreoli M. J Nephrol. 2019 Jun;32(3):417-427. doi: 10.1007/s40620-018-00570-2. Epub 2019 Jan 18.

[Challenges and results of the PIRP project (Prevenzione della Insufficienza Renale Progressiva) of the Emilia-Romagna Region]. 

Santoro A, Gibertoni D, Rucci P, Mancini E, Bonucchi D, Buscaroli A, Campagna A, Cappelli G, David S, Gregorini MC, La Manna G, Mosconi G, Rigotti A, Scarpioni R, Storari A, Mandreoli M. G Ital Nefrol. 2018 Sep;35(5):2018-vol5.

Interaction of healthcare staff’s attitude with barriers to physical activity in hemodialysis patients: A quantitative assessment. 

Regolisti G, Maggiore U, Sabatino A, Gandolfini I, Pioli S, Torino C, Aucella F, Cupisti A, Pistolesi V, Capitanini A, Caloro G, Gregorini M, Battaglia Y, Mandreoli M, Dani L, Mosconi G, Bellizzi V, Di Iorio BR, Conti P, Fiaccadori E; Gruppo di Studio “Esercizio fisico nel paziente con insufficienza renale cronica” of the Società Italiana di Nefrologia. PLoS One. 2018 Apr 27;13(4):e0196313. doi: 10.1371/journal.pone.0196313. eCollection 2018.

Renal function and physical fitness after 12-mo supervised training in kidney transplant recipients. 

Roi GS, Mosconi G, Totti V, Angelini ML, Brugin E, Sarto P, Merlo L, Sgarzi S, Stancari M, Todeschini P, La Manna G, Ermolao A, Tripi F, Andreoli L, Sella G, Anedda A, Stefani L, Galanti G, Di Michele R, Merni F, Trerotola M, Storani D, Nanni Costa A. World J Transplant. 2018 Feb 24;8(1):13-22. doi: 10.5500/wjt.v8.i1.13.

Can Solid-Organ-Transplanted Patients Perform a Cycling Marathon? Trends in Kidney Function Parameters in Comparison With Healthy Subjects. 

Mosconi G, Angelini ML, Balzi W, Totti V, Roi GS, Cappuccilli M, Tonioli M, Storani D, Trerotola M, Costa AN. Transplant Proc. 2016 Mar;48(2):415-9. doi: 10.1016/j.transproceed.2015.12.042.

Inflammatory and Adipose Response in Solid Organ Transplant Recipients After a Marathon Cycling Race. 

Cappuccilli M, Mosconi G, Roi GS, De Fabritiis M, Totti V, Merni F, Trerotola M, Marchetti A, La Manna G, Nanni Costa A. Transplant Proc. 2016 Mar;48(2):408-14. doi: 10.1016/j.transproceed.2016.02.001

[Dyslipidemia in Kidney transplant recipients]. 

Mosconi G, Gambaretto C, Zambianchi L, Lifrieri MF, De Fabritiis M, Cristino S, Americo C, Angelini ML. G Ital Nefrol. 2016 Malattie Metaboliche e Rene;33(S68):gin/33.S68.13.

Renal Function in Kidney and Liver Transplant Recipients After A 130-km Road Cycling Race. 

Mosconi G, Roi GS, Totti V, Zancanaro M, Tacconi A, Todeschini P, Ramazzotti E, Di Michele R, Trerotola M, Donati C, Nanni Costa A. Transplant Direct. 2015 Oct 19;1(9):e36. doi: 10.1097/TXD.0000000000000546. eCollection 2015 Oct.

[Metformin-associated lactic acidosis]. 

Mosconi G, Gambaretto C, Zambianchi L, Lifrieri F, De Fabritiis M, Cristino S, Americo C, Sgarlato V, Giudicissi A, Docci D. G Ital Nefrol. 2015 Jul-Aug;32(4):gin/32.4.12.

Post-dilution hemodiafiltration with a heparin-grafted polyacrylonitrile membrane. 

Frascà GM, Sagripanti S, D’Arezzo M, Oliva S, Francioso A, Mosconi G, Zambianchi L, Sopranzi F, Boggi R, Fattori L, Rigotti A, Maldini L, Gattiani A, Del Rosso G, Federico A, Da Lio L, Ferrante L. Ther Apher Dial. 2015 Apr;19(2):154-61. doi: 10.1111/1744-9987.12230. Epub 2014 Sep 26.

Health-related quality of life after solid organ transplantation: the role of sport activity. 

Cicognani E, Mazzoni D, Totti V, Roi GS, Mosconi G, Nanni Costa A. Psychol Health Med. 2015;20(8):997-1004. doi: 10.1080/13548506.2014.993404. Epub 2014 Dec 22.

Lung injury associated with mTOR inhibitors (sirolimus and everolimus). 

Conti V, Grazia M, Romagnoli M, Poletti G, Cristino S, Ciliberti G, Piciucchi S, Mosconi G, Poletti V. Minerva Urol Nefrol. 2014 Dec;66(4):283-5.

Physical activity in solid organ transplant recipients: organizational aspects and preliminary results of the Italian project. 

Roi GS, Stefoni S, Mosconi G, Brugin E, Burra P, Ermolao A, Granito M, Macini P, Mastrosimone S, Nacchia F, Pegoraro C, Rigotti P, Sella G, Sgarzi S, Tamè MR, Totti V, Trerotola M, Tripi F, Nanni Costa A. Transplant Proc. 2014 Sep;46(7):2345-9. doi: 10.1016/j.transproceed.2014.07.055.

Sport activity and health-related quality of life after kidney transplantation. 

Mazzoni D, Cicognani E, Mosconi G, Totti V, Roi GS, Trerotola M, Nanni Costa A. Transplant Proc. 2014 Sep;46(7):2231-4. doi: 10.1016/j.transproceed.2014.07.049.

A clinical stratification tool for chronic kidney disease progression rate based on classification tree analysis. 

Rucci P, Mandreoli M, Gibertoni D, Zuccalà A, Fantini MP, Lenzi J, Santoro A; Prevention of Renal Insufficiency Progression (PIRP) Project. Nephrol Dial Transplant. 2014 Mar;29(3):603-10. doi: 10.1093/ndt/gft444. Epub 2013 Nov 27.

Physical activity in solid organ transplant recipients: preliminary results of the Italian project. 

Mosconi G, Cuna V, Tonioli M, Totti V, Roi GS, Sarto P, Stefoni S, Trerotola M, Costa AN. Kidney Blood Press Res. 2014;39(2-3):220-7. doi: 10.1159/000355800. Epub 2014 Jul 29.

Patients’ direction, empowerment and quality of life in haemodialysis. 

Mazzoni D, Cicognani E, Laghi M, Sgarlato V, Mosconi G. Psychol Health Med. 2014;19(5):552-8. doi: 10.1080/13548506.2013.855316. Epub 2013 Nov 12.

Renal transplant in patients with polycystic disease: the Italian experience. 

Mosconi G, Persici E, Cuna V, Pedone M, Tonioli M, Conte D, Ricci A, Feliciangeli G, La Manna G, Nanni Costa A, Stefoni S. Transplant Proc. 2013 Sep;45(7):2635-40. doi: 10.1016/j.transproceed.2013.07.016.

Incidence and prevalence of cancer in kidney transplantation waiting list patients: an Italian experience. 

Mosconi G, Centofanti F, Capelli I, Ricci A, Persici E, Gandolfini I, Rubbiani E, Buzio C, Cappelli G, Costa AN, Stefoni S. Int J Artif Organs. 2013 May 17;36(5):335-40. doi: 10.5301/ijao.5000203. Epub 2013 Mar 18.

Tubulointerstitial nephritis and uveitis syndrome in a twelve-year-old girl. 

Paladini A, Venturoli V, Mosconi G, Zambianchi L, Serra L, Valletta E. Case Rep Pediatr. 2013;2013:652043. doi: 10.1155/2013/652043. Epub 2013 Apr 18.

Physical performance in kidney transplanted patients: a study on desert trekking. 

Mosconi G, Colombo D, Graziani E, Franceschelli N, Roi GS, Totti V, Nanni Costa A, Stefoni S. J Biol Regul Homeost Agents. 2011 Jul-Sep;25(3):417-25.

Incidence of cancer in kidney transplantation waiting list patients: a single center experience. 

Mosconi G, Stalteri L, Centofanti F, Capelli I, Carretta E, Persici E, Ubaldi G, Battaglino G, Raimondi C, Scolari MP, Stefoni S. Transplant Proc. 2011 May;43(4):1003-5. doi: 10.1016/j.transproceed.2011.01.121.

[Physical activity and renal transplantation]. 

Mosconi G, Roi GS, Nanni Costa A, Stefoni S. G Ital Nefrol. 2011 Mar-Apr;28(2):174-87.

Energy expenditure during a day of sport competitions in kidney transplant recipients. 

Roi GS, Parigino M, Pisoni D, Mosconi G, Nanni Costa A, Stefoni S. Transplantation. 2010 Nov 27;90(10):1136-8. doi: 10.1097/TP.0b013e3181f8699d.

Alpine skiing and anaerobic performance in solid organ transplant recipients. 

Roi GS, Mosconi G, Capelli I, Cuna V, Persici E, Parigino M, Pisoni D, Todeschini P, Costa AN, Stefoni S. Transplant Proc. 2010 May;42(4):1029-31. doi: 10.1016/j.transproceed.2010.03.094.

Native kidney function after renal transplantation combined with other solid organs in preemptive patients. 

Mosconi G, Panicali L, Persici E, Conte D, Cappuccilli ML, Cuna V, Capelli I, Todeschini P, D’Arcangelo GL, Stefoni S. Transplant Proc. 2010 May;42(4):1017-20. doi: 10.1016/j.transproceed.2010.03.125.

[Factors determining cardiovascular disease progression after kidney transplant]. 

Scolari MP, La Manna G, Cianciolo G, Cappuccilli ML, Lanci N, Donati G, Persici E, Cuna V, Feliciangeli G, Liviano D’Arcangelo G, Mosconi G, Stefoni S. G Ital Nefrol. 2009 Jul-Aug;26 Suppl 46:30-43.

Donor-specific anti-HLA antibodies after bone-graft transplantation. Impact on a subsequent renal transplantation: a case report. 

Mosconi G, Baraldi O, Fantinati C, Panicali L, Veronesi M, Cappuccilli ML, Corsini S, Zanelli P, Bassi A, Buscaroli A, Feliciangeli G, Stefoni S. Transplant Proc. 2009 May;41(4):1138-41. doi: 10.1016/j.transproceed.2009.02.059.

[Anti-HLA antibodies after bone graft and their impact on kidney transplant programs]. 

Mosconi G, Baraldi O, Fantinati C, Cappuccilli ML, Corsini S, Zanelli P, Bassi A, Buscaroli B, Feliciangeli G, Stefoni S. G Ital Nefrol. 2009 Mar-Apr;26 Suppl 45:S58-63.

[Preventing and reducing comorbidity in candidates for kidney transplantation for the improvement of post-operative results]. 

Mosconi G, Scolari MP, Feliciangeli G, Liviano D’Arcangelo G, Baraldi O, Fantinati C, Cristino S, Conte D, Lanci N, Panicali L, Stefoni S. G Ital Nefrol. 2009 Mar-Apr;26 Suppl 45:S37-45.

Bologna transplant center results in double kidney transplantation: update. 

Bertelli R, Varotti G, Puviani L, Cavallari G, Pacilè V, Prezzi D, Tsivian M, Neri F, D’Arcangelo GL, Mosconi G, Stefoni S, Fuga G, Faenza A, Nardo B. Transplant Proc. 2007 Jul-Aug;39(6):1833-4. doi: 10.1016/j.transproceed.2007.05.057.

Double kidney transplantation: initial experience of the Bologna Transplant Center. 

Nardo B, Pacilè V, Bertelli R, Beltempo P, Montalti R, Puviani L, Neri F, Mosconi G, Scolari MP, Liviano D’Arcangelo G, Stefoni S, Faenza A. Int J Artif Organs. 2006 Jul;29(7):701-2. doi: 10.1177/039139880602900709.

Combined liver-kidney transplantation with preformed anti-HLA antibodies: a case report. 

Mosconi G, Scolari MP, Feliciangeli G, Zanetti A, Zanelli P, Buscaroli A, Piccari M, Faenza S, Ercolani G, Faenza A, Pinna AD, Stefoni S. Transplant Proc. 2006 May;38(4):1125-6. doi: 10.1016/j.transproceed.2006.03.045.

Combined liver-kidney transplantation–S. Orsola experience: nephrological aspects. 

Mosconi G, Scolari MP, Feliciangeli G, D’Arcangelo GL, Buscaroli A, D’Addio F, Conte D, Faenza A, Pinna AD, Stefoni S. Transplant Proc. 2006 May;38(4):1122-4. doi: 10.1016/j.transproceed.2006.03.063.

Combined liver-kidney transplantation: the experience of the University of Bologna and the case of preoperative positive cross-match. 

Faenza A, Fuga G, Nardo B, Varotti G, Faenza S, Stefoni S, D’Arcangelo GL, Mosconi G, Feliciangeli G, Pinna AD. Transplant Proc. 2006 May;38(4):1118-21. doi: 10.1016/j.transproceed.2006.03.048.

Nephrological indications in combined liver-kidney transplantation. 

Mosconi G, Scolari MP, Feliciangeli G, D’Addio F, D’Arcangelo GL, Cappuccilli ML, Comai G, Conte D, La Manna G, Borgnino LC, Falaschini A, Stefoni S. Transplant Proc. 2006 May;38(4):1086-8. doi: 10.1016/j.transproceed.2006.03.011.

Tacrolimus-associated myositis: a case report in a renal transplant patient. 

Orlandi V, Campieri C, Mosconi G, D’Arcangelo GL, Feliciangeli G, Scolari MP, Stefoni S. Transplant Proc. 2004 Apr;36(3):708-10. doi: 10.1016/j.transproceed.2004.03.018.

[HCV+ patients on the waiting list for kidney transplantation. Retrospective analysis of data on the patient population with hepatitis C on the waiting list for kidney transplantation in the setting of the AIRT]. 

Schena A, Stallone G, Infante B, Grandaliano G, Di Paolo S, Mosconi G, Stefoni S, Savazzi AM, Albertazzi A, Barbe’ MC, Turello E, Schena FP. G Ital Nefrol. 2003 Nov-Dec;20(6):606-10.

Lamivudine in recurrent hepatitis B after renal transplantation. 

Mosconi G, Scolari MP, Manna C, Canova C, Cristino S, Campieri C, Liviano D’Arcangelo G, Morelli C, Faenza A, Stefoni S. Transplant Proc. 2001 Feb-Mar;33(1-2):1873-4. doi: 10.1016/s0041-1345(00)02731-7.

Renal transplantation and HCV hepatitis: a longitudinal study. 

Mosconi G, Scolari MP, Morelli C, Nardo B, Bertuzzi V, De Pascalis A, Donati G, Zambianchi L, Buscaroli A, Stefoni S. Transplant Proc. 2001 Feb-Mar;33(1-2):1185. doi: 10.1016/s0041-1345(00)02377-0.

Application of Prastat ELISA in the determination of anti-HLA specificity for immunized patients awaiting kidney transplant: five years’ experience. 

Buscaroli A, De Sanctis LB, Iannelli S, Stipo L, Bertuzzi V, Raimondi C, Mosconi G, Liviano D’ Arcangelo G, Scolari MP, Stefoni S. Transpl Int. 2000;13 Suppl 1:S99-105. doi: 10.1007/s001470050289.

Membranes, technologies and long-term results in chronic haemodialysis. 

Stefoni S, Scolari MP, Cianciolo G, Mosconi G, De Sanctis LB, De Pascalis A, La Manna G, Donati G, Manna C, Sestigiani E, Grammatico F. Nephrol Dial Transplant. 2000;15 Suppl 2:12-5. doi: 10.1093/ndt/15.suppl_1.12.

Severe gastrointestinal bleeding in a uremic patient treated with estrogen-progesterone therapy. 

Mosconi G, Mambelli E, Zanchelli F, Isola E, Perna C, De Pascalis A, Raimondi C, Ventrucci M, Stefoni S. Int J Artif Organs. 1999 May;22(5):313-6.

Mathematical modeling of solute kinetics and body fluid changes during profiled hemodialysis. 

Ursino M, Colì L, Brighenti C, De Pascalis A, Chiari L, Dalmastri V, La Manna G, Mosconi G, Avanzolini G, Stefoni S. Int J Artif Organs. 1999 Feb;22(2):94-107.

Low-dosage ibopamine treatment in progressive renal failure: a long-term multicentre trial. 

Stefoni S, Mosconi G, La Manna G, Bonomini V, Mioli V, Fanciulli E, Feletti C, Docci D, Cappelli P, Bonomini M, Locatelli F, Marai P, Bazzato G, Fracasso A, Brancaccio D, Galmozzi C, Scarpioni L, Sverzellati E, Sorba GB, Cossu M, Piccoli G, Roccatello D, Oldrizzi L, De Biase V, Bignamini AA. Am J Nephrol. 1996;16(6):489-99. doi: 10.1159/000169049.

Is Ace inhibitor treatment a possible cause of better cardiovascular remodelling in well functioning kidney transplant? 

La Manna G, Campieri C, Dalmastri V, Buscaroli A, Tarquinii M, Giudicissi A, Neri L, Pace G, Mosconi G, Scolari MP, et al. Int J Artif Organs. 1995 Jul;18(7):362-4.

Long-term results: cellulosic vs. synthetic membranes. 

Bonomini V, Colì L, Feliciangeli G, Mosconi G, Scolari MP. Contrib Nephrol. 1995;113:120-34. doi: 10.1159/000424221.

Strategies in renal failure and the impact of lipids. 

Bonomini V, Scolari MP, Mosconi G, Todeschini P, Cianciolo G, Stefoni S. Int J Artif Organs. 1993 Dec;16(12):830-5.

Approach to dialysis biocompatibility: evaluation through in vivo investigation of lymphocyte biology. A technical note. 

Stefoni S, Feliciangeli G, Nanni Costa A, Coli L, Cianciolo G, De Sanctis LB, Buscaroli A, Iannelli S, Mosconi G, Bonomini V. Contrib Nephrol. 1993;103:65-75.

[Destructive spondylopathy in the dialysis patient. The diagnostic role of magnetic resonance]. 

Corinaldesi A, Zompatori M, Pisi P, Ambrosetto P, Canini R, Mosconi G, Rimondi MR, Orlandi PE. Radiol Med. 1992 Sep;84(3):221-7.

Application of flow cytometry in clinical renal transplantation. 

Stefoni S, Nanni-Costa A, Iannelli S, Buscaroli A, Borgnino LC, Scolari MP, Mosconi G, Cianciolo G, De Sanctis LB, Bonomini V. Transpl Int. 1992;5 Suppl 1:S123-8. doi: 10.1007/978-3-642-77423-2_40.

Epidemiology of hepatitis C in a population of hemodialysis patients. 

Mosconi G, Campieri C, Miniero R, Colì L, Orsi C, La Manna G, De Sanctis LB, Stefoni S, Sprovieri G, Bonomini V. Nephron. 1992;61(3):298-9. doi: 10.1159/000186911.

Cellular immunology in regular dialysis: a biological model for biocompatibility evaluation. 

Stefoni S, Nanni-Costa A, Buscaroli A, Coli L, Feliciangeli G, Mosconi G, Scolari MP, Iannelli S, Borgnino LC, Bonomini V. Nephrol Dial Transplant. 1991;6 Suppl 2:4-9.

Plasma exchange in transplant rejection. 

Vangelista A, Frascà GM, Liviano-D’Arcangelo G, Mosconi G, Bonomini V. Prog Clin Biol Res. 1990;337:253-5.

The use of ibopamine in chronic renal failure: long-term results. 

Stefoni S, Mosconi G, Bonomini M, Prandini R, Nanni-Costa A, Scolari MP, Liviano-D’Arcangelo G, Cianciolo G. Contrib Nephrol. 1990;81:264-9. doi: 10.1159/000418762.

Serum alpha-1-acid glycoprotein in chronic renal failure. 

Docci D, Bilancioni R, Pistocchi E, Mosconi G, Turci F, Salvi G, Baldrati L, Orsi C. Nephron. 1985;39(3):160-3. doi: 10.1159/000183364.

Dynamic of a plasma microprotein (lysozyme) in uremic patients on hemodialytic treatment with different membranes. 

Buscaroli A, Stefoni S, Nanni Costa A, Colì L, Feliciangeli G, Mosconi G, Iannelli S, D’Atena T, Biavati M, Cianciolo G, et al. Life Support Syst. 1985;3 Suppl 1:419-23.

Polymorphonucleates activity in dialysis patients treated with different membranes. 

Nanni Costa A, Stefoni S, Feliciangeli G, Colì L, Buscaroli A, Mosconi G, Boni P, Iannelli S, Lucatello A, Bruni L, et al. Life Support Syst. 1985;3 Suppl 1:23-7.

Effects of renal substitutive programs on amino acid patterns in chronic uremia. 

Scolari MP, Stefoni S, Mosconi G, Colì L, Feliciangeli G, Baldrati L, Buscaroli A, Prandini R, Bonomini V. Kidney Int Suppl. 1983 Dec;16:S77-80.

Comparative losses of free amino acids and their plasma variations in artificial substitutive programmes for chronic uraemia. 

Scolari MP, Stefoni S, Mosconi G, Feliciangeli G, Colì L, Bonomini V. Life Support Syst. 1983 Jan-Mar;1(1):51-60.

Functional characteristics of lymphocytes in chronic renal failure: in vitro response to mitogens. 

Nanni Costa A, Feliciangeli G, Borgnino LC, Buscaroli A, Mosconi G, Scolari MP, Orsi C, Coli L, Jannelli S, Galanti S, et al. Life Support Syst. 1983;1 Suppl 1:88-91.

[Serum ferritin and iron therapy in patients treated with periodic hemodialysis]. 

Docci D, Cenciotti L, Turci F, Salvi G, Mosconi G, Baldrati L. Quad Sclavo Diagn. 1982 Dec;18(4):454-62.

Long-term treatment of chronic renal insufficiency with Ibopamine (SB 7505), a new orally active dopamine-related drug. 

Stefoni S, Docci D, Vangelista A, Mosconi G, Colí L, Prandini R. Clin Nephrol. 1982 Oct;18(4):168-73.

[19-norandrostenolone undecylate in the treatment of anemia in patients treated with periodic hemodialysis]. 

Docci D, Feliciangeli G, Mosconi G, Vangelista A, Stefoni S. G Clin Med. 1981 Aug;62(8):567-75.

[Current status of substitutive therapy with artificial means in chronic renal insufficiency: hemoperfusion and hemofiltration]. 

Coli’ L, Feliciangeli G, Mosconi G, Nanni Costa A, Stefoni S. G Clin Med. 1981 Apr;62(4):287-94.

Ibopamine (SB 7505) in normal subjects and in chronic renal failure: a preliminary report. 

Stefoni S, Colì L, Mosconi G, Prandini R. Br J Clin Pharmacol. 1981 Jan;11(1):69-72. doi: 10.1111/j.1365-2125.1981.tb01104.x.

[Tubulo-interstitial immunological pathology in glomerular nephropathy]. 

Vangelista A, Frascà G, Mosconi G, Perini L, Bonomini V. Minerva Nefrol. 1979 Oct-Dec;26(4):481-6.

Malattia Renale Cronica (MRC) – Chronic Kidney Disease (CKD)

Informazioni ed indicazioni per pazienti e familiari

Anatomia e fisiologia renale

I reni sono due organi simmetrici posti in regione lombare a lato della colonna vertebrale, in sede retroperitoneale. Hanno dimensioni comprese fra 10 e 12 centimetri di lunghezza; il dato dipende anche dal soma della persona. Sono indispensabili per la vita in quanto rimuovono le sostanze tossiche prodotte dal nostro corpo in particolare sostanze azotate (metabolismo endogeno), mantengono l’equilibrio dell’organismo con una azione di “omeostasi” (bilancio dei liquidi, degli elettroliti, del bilancio acido/base), svolgono funzioni di attivazione della vitamina D, secernono sostanze che regolano la pressione arteriosa (sistema renina angiotensina) ed attivano la produzione di globuli rossi (eritropoietina). Agiscono in pratica come un filtro selettivo altamente specializzato. Il prodotto finale del lavoro renale (urina) è il risultato di molteplici azioni di filtrazione glomerulare (giornalmente vengono filtrati dai reni circa 180 litri di sangue), di secrezione e di riassorbimento selettivo (tubuli, dotti collettori) che avvengono a livello delle singole unità funzionali dei reni (nefroni). La entità e le caratteristiche dell’urina risentono del livello di idratazione, dell’alimentazione, dell’ingestione di sostanze sempre nell’ambito di un meccanismo di mantenimento di un ottimale equilibrio idrico ed elettrolitico.

Conformazione e posizione dei reni nell’organismo

Nella pratica clinica la funzionalità renale viene espressa dal valore della creatinina plasmatica; il dato risulta tuttavia poco sensibile in quanto è influenzato dall’entità della massa muscolare e può sottostimare un eventuale danno renale soprattutto in persone con masse muscolari ridotte (pazienti malnutriti, anziani); oggi si fa riferimento al filtrato glomerulare che è un derivato matematico del dosaggio della creatinina sulla base di formule validate che tengono in considerazione, a seconda della formula utilizzata, età, sesso, etnia, peso corporeo. La velocità di filtrazione glomerulare calcolata (cVFG) o eGFR (dall’inglese glomerular filtration rate dove “e” sta per estimated) viene riportata praticamente in tutti i referti laboratoristici subito dopo al valore della creatinina plasmatica; il filtrato glomerulare risente meno di variazioni legate al soma ed alla massa magra della persona ed è pertanto più utile per un inquadramento funzionale.
 

Metabolismo creatinina, variazioni legate alla massa muscolare

La formula oggi più utilizzata è la CKD EPI. Con il progredire dell’età il valore eGFR tende progressivamente a ridursi per il naturale esaurimento funzionale delle unità anatomiche renali (nefroni). 

Quando i reni si ammalano e la malattia progredisce si va incontro ad una sorta di intossicazione con ripercussioni in tutto l’organismo.

Malattie renali (nefropatie) acute e croniche

Le malattie renali (nefropatie) costituiscono una patologia potenzialmente ingravescente in costante aumento (6-8% della popolazione italiana); l’incremento della malattia renale cronica è presente in tutto il mondo con una diffusione anche maggiore rispetto all’Italia (fino al 13% negli Stati Uniti).

Prevalenza della Malattia renale Cronica

USA: 13% (studio NHANES IV)
Olanda: 11,6% (studio PREVEND)
Spagna: 9,2% (studio EPIRCE)
Norvegia: 10,2% (studio HUNT)

Diffusione della malattia renale cronica nel mondo

Le cause di malattia sono molteplici e possono interessare le diverse strutture anatomiche e funzionali del rene (glomerulo, interstizio, tubuli, vasi arteriosi, vasi venosi, vie escretrici). I reni possono essere compromessi direttamente da una specifica patologia (nefropatie primitive) o essere coinvolti in corso di altre patologie sistemiche (nefropatie secondarie). Vanno ricordate anche patologie renali a trasmissione ereditaria ancora molto diffuse nel nostro territorio (es rene policistico dell’adulto). La presentazione clinica è estremamente variabile; si possono manifestare forme acute con ematuria e/o edemi (es. glomerulonefrite), forme infettive (pielonefriti) legate a problemi urologici (calcolosi renale, reflusso vescico-ureterale, idronefrosi); un possibile interessamento renale con compromissione funzionale è presente in patologie ematologiche (es. mieloma multiplo) ed in corso di epatopatia cronica (cirrosi epatica, crioglobulinemia virus correlata). Possono manifestarsi quadri di insufficienza renale acuta di diversa etiologia solitamente associati ad una contrazione della diuresi.

Molte delle forme acute di nefropatia, se non adeguatamente trattate, comportano un rischio di potenziale peggioramento funzionale nel tempo.

Sempre più frequentemente le malattie renali costituiscono una complicanza cronica misconosciuta di patologie sistemiche come ipertensione arteriosa, cardiopatia, diabete (nefropatia vascolare, nefropatia ipertensiva, nefropatia diabetica); una peculiare caratteristica della maggior parte delle nefropatie croniche è la bilateralità (entrambi i reni sono coinvolti nel danno evolutivo). La diagnosi può essere occasionale nel contesto di esami di screening; in presenza di nefropatia cronica si registra la tendenza all’evoluzione del danno funzionale che può restare clinicamente asintomatico anche fino a quadri avanzati di insufficienza renale.

da PDTA Malattia Renale Cronica Regione Emilia Romagna 2019

Possibilità di prevenzione

La possibilità di bloccare o rallentare l’evoluzione del danno renale è tanto maggiore quanto più precoce risulta la individuazione del problema e l’impostazione di un programma terapeutico. 

La valutazione dell’esame urina (proteinuria, microematuria, peso specifico) è utile per la prevenzione del danno renale; uno screening periodico è indicato soprattutto in presenza di fattori di rischio quali ipertensione arteriosa, diabete, patologie dismetaboliche, familiarità per patologie renali trasmesse geneticamente, problemi nefrologici in età pediatrica.

da PDTA Malattia Renale Cronica Regione Emilia Romagna 2019

La presenza di alterazioni dell’esame urina costituisce il primo segnale di una possibile patologia renale che va adeguatamente inquadrata anche con una valutazione nefrologica; l’alterazione urinaria che maggiormente necessita di approfondimenti diagnostici, in quanto si correla anche con il rischio di progressione di malattia, è la proteinuria (micro e macroalbuminuria). Alcuni campanelli d’allarme che dovrebbero indurre ad una valutazione dell’esame urina e della funzione renale possono essere costituiti da un rialzo della pressione arteriosa, da alterazioni della minzione con necessità di minzioni frequenti (pollachiuria, nicturia), da una stanchezza non giustificata, dalla comparsa di gonfiore (edemi). 

Esame urina nel lontano passato ed attualmente

Il livello di funzionalità renale (creatinina, eGFR) costituisce un dato essenziale per l’inquadramento clinico, il monitoraggio e la scelta delle diverse opzioni terapeutiche oggi a disposizione del clinico.

da PDTA Malattia Renale Cronica Regione Emilia Romagna 2019

In caso di sospetta patologia renale l’indagine radiologica strumentale di primo livello e non invasiva è costituita dalla ecografia renale che è in grado di definire le dimensioni, la forma ed il profilo renale, la presenza di eventuali asimmetrie, la differenziazione cortico-midollare, lo spessore corticale, gli indici di resistenza intraparenchimali.

Immagine ecografica renale

Altre indagini, compresa la biopsia renale, vanno impostate su specifica indicazione specialistica.

Importanti fattori protettivi per la prevenzione del danno renale sono costituiti dal raggiungimento e dal mantenimento di adeguati valori di pressione arteriosa (target ottimale 130/80 mmHg) e, nei pazienti diabetici, da un buon controllo metabolico (emoglobina glicata, glicemia).   

Come per tutte le malattie croniche sono opportuni adeguati stili di vita a partire dall’abolizione dell’abitudine tabagica, da una regolare attività fisica, dalla riduzione di quadri di sovrappeso/obesità.

Particolare attenzione va posta ad un adeguato apporto idrico che costituisce, in persone che non presentano problemi renali, un efficace strumento di prevenzione di problemi nefrologici o urologici; la disidratazione, secondaria a problemi gastroenterici, a sudorazione profusa, ad una eccessiva assunzione di terapia diuretica, può facilitare quadri acuti di peggioramento funzionale.

In corso di malattia renale ingravescente vanno impostati schemi terapeutici (dosaggio, numero ed intervallo delle somministrazioni) in linea con il livello funzionale renale (eGFR), con il quadro clinico e con eventuali problemi intercorrenti (es. episodi di disidratazione); particolare attenzione va posta all’impiego di farmaci antivirali, antibiotici, antineoplastici. 

Un abuso da evitare è quello dei farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) che possono indurre nefropatia; tali farmaci sono controindicati in presenza di nefropatia cronica già nota in quanto spesso peggiorano il quadro funzionale.

Attenzione deve essere posta all’impiego di antibiotici aminoglicosidici, potenzialmente nefrotossici, attualmente usati solo in specifiche situazioni cliniche. 

L’impiego del litio richiede un monitoraggio dell’esame urina e del livello funzionale renale; analogo monitoraggio deve essere fatto in corso di utilizzo di farmaci immunosoppressori, in particolare gli inibitori delle calcineurine.

La terapia diuretica deve essere in linea con la necessità di ridurre il sovraccarico cardiocircolatorio cercando tuttavia di limitare quadri di eccessiva riduzione del volume circolante.

In pazienti con compromissione funzionale (eGFR <45 ml/min) l’utilizzo di sostanze iodate per indagini radiologiche comporta la possibile insorgenza di nefropatia da mezzo di contrasto (peggioramento funzionale); il rischio è in rapporto alla dose di sostanza iodata utilizzata ed è maggiore per indagini eseguite per via intraarteriosa (es. coronarografia). In pazienti con insufficienza renale il criterio primario che deve essere seguito per l’esecuzione dell’indagine è la valutazione del rapporto costo/benefici; in questi pazienti è opportuno un controllo del dato funzionale (creatinina, eGFR) prima dell’indagine, ripetuto a distanza di 2-3 giorni dalla esecuzione della stessa. Si raccomanda di mantenere un buon livello di idratazione prima e dopo l’indagine; si consiglia la somministrazione di sodio bicarbonato (2 gr) nel giorno precedente l’indagine da ripetere il giorno dell’esame ed il giorno successivo. Trattamento delle nefropatie croniche

Esperienze internazionali e nazionali hanno evidenziato l’importanza di una gestione nefrologica per il rallentamento dell’evoluzione del danno renale. Sono oggi disponibili terapie farmacologiche (farmaci antipertensivi ed antiproteinurici) e provvedimenti dietologici in grado di prevenire il danno d’organo e di rallentare la progressione dell’insufficienza renale verso gli stadi più avanzati (uremia) che possono richiedere l’inizio del trattamento dialitico (emodialisi, dialisi peritoneale) o il trapianto renale.

Attualmente i farmaci che hanno dato i risultati più soddisfacenti e consolidati in termini di rallentamento della progressione del danno renale sono stati gli ace-inibitori ed i sartani; tali farmaci, conosciuti soprattutto per l’attività antiipertensiva, hanno una spiccata azione sulla emodinamica glomerulare e sulla pressione di filtrazione glomerulare oltre che sull’entità della proteinuria.

Studi più recenti hanno permesso di aggiungere a questa tipologia di farmaci gli inibitori degli SGLT2, inizialmente utilizzati nel trattamento del diabete ma che hanno evidenziato buone capacità nefroprotettive tanto da essere proposti anche nella gestione di nefropatie non diabetiche.

In campo di patologie ereditarie (es. rene policistico) vengono oggi utilizzati farmaci che hanno dimostrato la possibilità di rallentare la progressione del danno (vaptani, somatostatina).

In presenza di calcolosi renale la interazione con gli specialisti urologi permette un’ottimale gestione delle problematiche metaboliche urinarie e riduce il rischio di recidive di malattia.

Alla terapia farmacologica vanno affiancati provvedimenti dietologici da adeguare al livello funzionale (dieta ipoproteica) che risultano in grado di ridurre il carico di lavoro dei nefroni residui. In tutte le diverse fasi funzionali è importante ottimizzare i valori di pressione arteriosa e correggere anche con provvedimenti farmacologici i fattori metabolici (dislipidemia, glicemia, uricemia, obesità) che possono aumentare il rischio cardiovascolare; l’integrazione di adeguati stili di vita (cessazione abitudine tabagica, regolare attività fisica) con la terapia farmacologica risulta essenziale. 

L’intervento specialistico nefrologico è essenziale nella precoce impostazione terapeutica, nel monitoraggio funzionale e nella gestione delle complicanze legate alla insufficienza renale. 

Rallentamento della progressione della malattia renale cronica

Alcune malattie renali, se diagnosticate e curate precocemente, possono guarire o stabilizzarsi. In caso di cronicizzazione del danno d’organo si registra una progressione nel tempo ed una evoluzione verso la sclerosi del parenchima renale (fibrosi) associata a peggioramento funzionale (aumento della creatinina e contestuale riduzione del eGFR). L’obiettivo terapeutico è quello di rallentare la velocità di progressione della malattia attraverso provvedimenti farmacologici, dietologici ed aggiustamenti dello stile di vita al fine di evitare di raggiungere le fasi più avanzate dell’insufficienza renale che possono rendere necessari provvedimenti di trattamento sostitutivo artificiale (dialisi, trapianto).

La malattia renale cronica viene definita dal gruppo internazionale KDIGO sulla base di alterazioni della funzione renale presenti da almeno 3 mesi e/o di reperti patologici all’esame urina; vengono individuati 5 stadi ingravescenti di malattia renale cronica (MRC o Chronic Kidney Disease – CKD) classificati in base al livello di filtrazione glomerulare (eGFR) e all’entità della albuminuria. Lo stadio 3 è ulteriormente diviso in stadio 3a (VFG o GFR 59-45) e 3b (VFG o GFR 44-30 La proteinuria (micro e macroalbuminuria) costituisce uno dei principali fattori di rischio di progressione del danno d’organo.

Stadi della malattia renale – da PDTA Malattia Renale Cronica Regione Emilia Romagna 2019

I pazienti con insufficienza renale presentano un rischio di sviluppare eventi cardiovascolari significativamente superiori alla popolazione generale; tale rischio aumenta con il progredire del danno funzionale e con l’entità della proteinuria.

La riduzione dei fattori di rischio correggibili è essenziale nella gestione del paziente nefropatico; particolare attenzione deve essere posta al controllo della pressione arteriosa e del controllo glicemico in corso di diabete. 

In caso di riscontro di alterazioni funzionali renali, soprattutto se non presenti a precedenti indagini laboratoristiche, è utile una specifica valutazione nefrologica sempre ovviamente tenendo presente la normale evoluzione fisiologica nei soggetti anziani. Il monitoraggio funzionale (creatinina, eGFR) è utile nei pazienti con nefropatia cronica; le tempistiche dei controlli, solitamente regolate nell’ambito di programmi diagnostici e terapeutici, si basano sul livello di compromissione funzionale e devono essere più frequenti in presenza di quadri più avanzati di danno renale. 

Complicanze cliniche legate all’insufficienza renale cronica

La terapia farmacologica e dietologica deve tener conto del sovrapporsi delle complicanze sistemiche legate alla insufficienza renale cronica (cardiovasculopatia ed ipertensione arteriosa, anemia, osteodistrofia, alterazioni elettrolitiche, ritenzione idrosalina).

da PDTA Malattia Renale Cronica Regione Emilia Romagna 2019

Essenziale risulta il trattamento dell’ipertensione arteriosa che costituisce un importante fattore di rischio evolutivo e possibile causa di eventi cardiovascolari. 

Monitoraggio e gestione della pressione arteriosa 

L’impiego di diuretici risulta opportuno in presenza di ritenzione idrosalina e sovraccarico cardiocircolatorio. 

Sovraccarico cardiocircolatorio in corso di insufficienza renale

Dopo valutazione del rischio di sanguinamento si possono ipotizzare anche terapie antiaggreganti.

La somministrazione diretta di eritropoietina (endovenosa o sottocutanea) è stata essenziale nel migliorare la qualità di vita dei pazienti con moderata/severa insufficienza renale grazie alla correzione dell’anemia; il farmaco stimola il midollo osseo alla produzione di globuli rossi e permette di raggiungere/mantenere target di emoglobina in grado di garantire un adeguato stile di vita e di ridurre il rischio cardiovascolare. Sono oggi disponibili farmaci (inibitori dell’Enzima Prolil-Idrossilasi PH che regolano il Fattore Ipossia-Inducibile HIF) attivi per os in grado di correggere l’anemia legata all’insufficienza renale grazie anche alla stimolazione di eritropoietina endogena. Un ottimale utilizzo sia dell’eritropoietina che dei nuovi farmaci richiede un periodico monitoraggio per evitare problemi di sottodosaggio o di ipercorrezione; l’assetto marziale deve essere periodicamente valutato ed adeguato alle esigenze dell’organismo. 

Anemia in corso di insufficienza renale cronica

I derivati attivi della vitamina D (in alternativa  analoghi della vitamina D, calcio mimetici) sono in grado di contrastare l’iperparatiroidismo e le sue complicanze a livello osseo (osteodistrofia). I chelanti del fosforo tendono a normalizzare la fosforemia e giocano un ruolo essenziale nella prevenzione delle calcificazioni vascolari che si sviluppano nel corso dell’evoluzione del danno funzionale renale; si integrano con la gestione della vitamina D per contrastare l’osteodistrofia.

Iperparatiroidismo ed osteodistrofia legata all’insufficienza renale cronica

Recentemente (2022) sono entrati in commercio farmaci in grado di controllare i livelli di potassiemia soprattutto in corso di terapia con ace-inibitori o sartani; l’ottimale gestione dei valori di potassio aiuta a prevenire problematiche aritmiche.

Aritmie ed alterazioni elettrolitiche legate all’insufficienza renale

Supplementazioni di bicarbonati contrastano l’acidosi delle fasi più avanzate di insufficienza renale. 

Integrazioni farmacologiche di ferro e folina vanno personalizzate in base al quadro laboratoristico.

Tutte le diverse strategie farmacologiche si devono integrare con una corretta alimentazione, modulata sulla base del livello funzionale renale residuo. La complessità delle strategie terapeutiche richiede una gestione specialistica.

Indicazioni dietetiche/nutrizionali in corso di nefropatie

In presenza di nefropatia cronica l’alimentazione consigliata è ipoproteica (dieta ipoproteica) e normocalorica; la riduzione dell’apporto di proteine va impostata sulla base del livello di filtrazione glomerulare ed ha l’obiettivo di ridurre il carico di lavoro e di ultrafiltrazione a livello delle unità funzionali renali (nefroni). Il primo provvedimento nefrologico in presenza di una alterazione funzionale renale è la limitazione dell’apporto proteico, tenendo presente che l’apporto proteico nella nostra società è solitamente superiore alle reali necessità indicate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità. Vengono impostate diete con 0,8-0,9 gr di proteine/Kg di peso corporeo; questo apporto può essere ridotto progressivamente a 0,6 gr. Diete ancor più restrittive, utilizzate in alcuni centri nefrologici, richiedono l’integrazione di chetoanaloghi per permettere un sufficiente anabolismo proteico ed uno stretto monitoraggio nutrizionale.

In presenza di insufficienza renale la quota calorica non va ridotta se non in casi di marcato sovrappeso al fine di prevenire quadri di malnutrizione che costituiscono una situazione di pericolo e si associano ad un aumentato rischio di morbilità e di mortalità. Per permettere un adeguato apporto calorico associato ad un ridotto apporto proteico, vengono utilizzate diete con prodotti privi di proteine “aproteici”.

In tutte le diverse fasi di dieta ipoproteica risulta opportuna una collaborazione con dietologi.

In presenza di una nefropatia cronica vanno sicuramente evitate integrazioni di aminoacidi o di proteine; un eccesso di integrazione proteica o diete a lungo squilibrate in senso iperproteico non risultano fisiologiche anche in persone senza problematiche nefrologiche.

Sempre opportuna risulta la limitazione dell’apporto di sodio presente nel sale da cucina (sodio cloruro), soprattutto nei pazienti ipertesi e nei pazienti con calcolosi; viene consigliato un apporto di sale da cucina inferiore ai 5-6 grammi al giorno; la dieta ipoproteica permette inoltre di modulare il carico di potassio e di fosforo. 

Nelle diverse fasi della malattia renale un’adeguata idratazione costituisce un obiettivo terapeutico primario; particolare attenzione va tuttavia posta all’apporto idrico in presenza di una ridotta capacità escretoria renale (cardiopatia, sovraccarico cardiocircolatorio, disprotidemia, sindrome nefrosica). 

Monitoraggio del paziente nefropatico

In presenza di patologie evolutive risulta di grande importanza un riferimento continuato per il trattamento cronico e per l’eventuale intervento terapeutico in corso di problemi intercorrenti.

L’integrazione Ospedale/Territorio nella gestione della cronicità, in linea con le indicazioni nazionali (PNRR), costituisce un obiettivo di assoluta rilevanza che deve vedere la partecipazione di tutte le risorse disponibili, pubbliche e private. In una ottimale gestione del paziente nefropatico, classico esempio di “paziente fragile”, l’integrazione fra medicina di base e supporto specialistico deve beneficiare di rapporti facilitati per la discussione di casi particolari o l’analisi dell’andamento funzionale. Possono essere utili strumenti di supporto quali la telemedicina, ma soprattutto una costante attività di formazione.

Modello Organizzativo per la gestione della malattia renale. Piano Nazionale della Cronicità 2016

Il diverso grado di coinvolgimento dello Specialista e del Medico di Medicina Generale, solitamente regolato sulla base di Piani Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA), si basa sul livello di compromissione renale; la gestione delle fasi più avanzate di insufficienza renale (eGFR <15 ml/min) compete alla struttura pubblica di riferimento per l’impostazione di eventuali programmi di terapia sostitutiva artificiale (emodialisi o dialisi peritoneale) o naturale (trapianto renale). 

Trapianto renale

Tecnica di emodialisi

Tecnica di dialisi peritoneale  

Programmi vaccinali

Il paziente con nefropatia cronica, soprattutto nelle fasi più avanzate o in corso di terapia sostitutiva artificiale (dialisi) o naturale (trapianto), presenta un quadro di immunodepressione umorale e cellulare con aumentato rischio di infezione e di gravità degli eventuali eventi infettivi. Un programma vaccinale (antiinfluenzale, anti pneumococcica, anti zoster) è particolarmente indicato in questa popolazione di pazienti come è stato ampiamente riscontrato in corso di pandemia da SarsCoV2. L’efficacia dei programmi vaccinali è tanto maggiore quanto più conservata è la funzionalità renale.

Offerta Nefrologica della Casa di Cura Malatesta Novello (Cesena)

Il servizio di Nefrologia offre un servizio di prevenzione, diagnosi e terapia delle malattie renali; si avvale dell’esperienza pluridecennale del Dr Giovanni Mosconi cresciuto nella prestigiosa scuola bolognese del prof. Bonomini e già Direttore dell’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi degli Ospedali Morgagni-Pierantoni di Forlì e Bufalini di Cesena. 

Il Dr Mosconi mantiene stretti rapporti di collaborazione con i principali Centri Nefrologici Nazionali ed una attiva collaborazione con le strutture pubbliche territoriali. 

La costante e diretta gestione di una patologia cronica con uno specialista dedicato offre la possibilità di mantenere una continuità assistenziale utile nel monitoraggio clinico e nella gestione di problemi intercorrenti. 

Su indicazione dello specialista nefrologo la struttura Malatesta Novello è in grado di eseguire esami laboratoristici mirati, indagini radiologiche di primo e secondo livello per la diagnosi ed il trattamento della nefropatia; offre inoltre l’esperienza di medici specialisti esperti in comorbidità o complicanze legate alla malattia renale cronica. La possibile integrazione con altre strutture territoriali permette di individuare il contesto assistenziale (setting) più adeguato alle specifiche esigenze del paziente.

Le prestazioni ambulatoriali disponibili sono:

  • Visita specialistica di inquadramento clinico e funzionale
  • Visita specialistica di controllo

Per lo studio e il trattamento delle patologie del rene è possibile effettuare la visita specialistica in tempi rapidi con un successivo monitoraggio clinico e funzionale. 

Parole chiave: rene, nefroni, glomeruli, nefropatie, diabete, ipertensione arteriosa, pressione arteriosa, vasculopatia, glomerulonefrite, nefropatia diabetica, nefropatia tubulo-interstiziale, nefropatia vascolare, dialisi, trapianto, rene policistico, nefropatie ereditarie, sclerosi, fibrosi, filtrazione glomerulare, proteinuria, albuminuria, alterazioni elettrolitiche, potassio, fosforo, eritropoietina, vitamina D, paratormone, dieta ipoproteica, integrazioni proteiche, calorie, iperparatiroidismo, osteodistrofia.

A cura del Dr Giovanni Mosconi Specialista in Nefrologia Medica